Woodstock '99: il peggiore festival della storia cap. 1


Quando tutto è finito, ciò che appare è molto più simile a uno scenario di guerra che a un festival della musica. C'è l'aria che sa di fumo e lerciume, ci sono i resti dei roghi appiccati, i semirimorchi esplosi, le auto rovesciate, ci sono le strutture devastate, i liquami dei bagni chimici impastati col fango e spazzatura ovunque. In quel maldestro tentativo di celebrare la storia non c'è l'ombra della pace, dell'armonia e della musica che aveva ispirato il Woodstock del '69. Al contrario c'è aggressività e frustrazione, sfociati nella furia cieca.

Per allestire un festival del genere servono milioni di dollari, una location adeguata, un team capace e un partner che sappia aprire porte, pubblicizzare l'evento, creare l'hype. Oltre a una certa dose di fortuna.

Sarebbe stata la festa più grande del pianeta, con 250.000 ragazzi pronti a fare baldoria e chissà quante persone collegate tramite pay tv. Il promotore è sempre Michael Lang, l'uomo a cui si deve l'iconico Woodstock '69, l'originale. E' tutto gigantesco nella località prescelta: l'ex Griffiss Air Force Base, una base dell'aereonautica militare dismessa nella zona orientale di Rome, New York, convertita in un parco commerciale e tecnologico. Ci sono alloggi per 15.000 persone, strade, e c'è anche un ospedale. Il paesaggio è dominato da enormi hangar e una pista di atterraggio della quale non si riesce a vedere la fine. Sembra perfetto e anche molto più economico rispetto alle spese folli di alcune esperienze precedenti. In questo spazio di 5.000 ettari a forma di triangolo sarebbero stati installati 2 palchi, un'area campeggio, una zona per gli stand di cibo e bevande e l'hangar rave, che dal nome non promette nulla di buono. Lungo il perimetro corre un muro alto e spesso, ben 13 km di cemento che sarebbero stati abbelliti con murales di pace e armonia.

I gruppi reclutati sono tanti e tutti importantissimi: Offspring, Red Hot, Megadeth, Korn, Creed, Metallica, Bush, Alanis Morisette, Rage Against The Machine, per citarne alcuni.

3 giorni di musica con biglietto intero costano 150 dollari. I diritti tv sono stati acquistati da MTV, che propone l'evento a 29,95 dollari per 1 giorno e 59,95 per tutti e 3.

Il team mette insieme una serie di idee affinchè l'evento vada oltre la musica: dall'apparizione dei monaci tibetani chiamati a benedire l'evento all'hangar del cinema, al gigantesco hangar rave per fare festa e ballare tutta la notte.

Una nuova Woodstock era stata già proposta nel 1994. In quella circostanza la pioggia battente aveva creato il fango e il fango aveva coperto tutto. In più le recinzioni non ressero e almeno la metà del pubblico entrò gratis. Da un punto di vista finanziario fu un suicidio. Ci voleva un'occasione per recuperare i fiumi di denaro perso attraverso un nuovo festival, il più grande di sempre. Così ecco Woodstock '99, sospinto dal sottotitolo "The trip of your life".

Mesi di preparazione, imprevisti, cattivi presagi, ma anche analisi finanziarie non proprio esaltanti sono livellati dalla volontà ferrea dell'uomo al comando: il festival ci sarà. Parola di Michael Lang. Ma a che prezzo? E soprattutto in quali condizioni? Le cose sembrano strane già dai controlli delle borse e degli zaini: vietato portare cibo e bevande, anche la semplice e indispensabile acqua. Il perché lo scopriremo in seguito. Quando tutti sono entrati la distesa di persone davanti al palco è impressionante. E' un oceano di corpi.

Nel mezzo di tutto c'è una grande birreria e il primo giorno non è ancora l'ora di pranzo quando le persone hanno già bevuto 3 o 4 birre a testa. E se l'acqua e il cibo non si potevano introdurre all'interno, cosa ben diversa per la droga: ce n'è di ogni tipo e viene venduta alla luce del sole, come fosse la cosa più naturale del mondo. E in quel contesto forse lo è.

Gli effetti del mix di alcol e stupefacenti non tardano a mostrarsi: c'è gente che gira completamente nuda e ragazze senza reggiseno con bigliettini sui capezzoli.
Gli organizzatori pare abbiano previsto tutto questo. Tanto è vero che hanno allestito uno stand nel quale è possibile fare dei tatuaggi areografati a tema su tutto il corpo. La zona preferita delle ragazze è il seno. E il seno è la cosa preferita di tutti, in questo evento dai molteplici cartelli "we want more tits and acid". E' un momento di libertà, di armonia e c'è grande ottimismo nell'aria.

Il caldo si fa sentire. Ci sono 35 gradi fissi e anche di più. Per questo le persone devono bere molta acqua, l'acqua che non hanno. Ci sono delle fontanelle ma l'attesa può superare la mezz'ora. L'unica soluzione è quella di comprarla negli stand, ma è un salasso: una semplice bottiglia, che normalmente costa 65 centesimi, a Woodstock '99 ha un prezzo di 4 dollari. Per non parlare del resto. E' tutto incredibilmente caro. Per guadagnare di più l'organizzazione ha venduto i diritti sul cibo, consegnando il controllo dei prezzi a chi gestisce gli stand. E' qui che comincia a prendere forza lo tsunami che travolgerà Woodstock '99. Il presupposto lo seppellirà. Nel '69 era pace e armonia, nel '99 è fare soldi. E per raggiungere l'obiettivo gli organizzatori non si fanno scrupoli nel tagliare il budget in elementi essenziali e nel fare scelte rivelatesi poi disastrose.

Temistocle Marasco

Ti piacciono i nostri articoli? iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!

CONCERTI ED EVENTI

News dal mondo della musica

Addio a Coolio, rapper di "Gangsta'S Paradise"

29/09/2022

Coolio, pseudonimo di Artis Leon Ivey Jr., è deceduto a 59 anni a Los Angeles nella casa del suo manager Jarez in circostanze ancora in via d'accertamento.

GOSSIP E CURIOSITÀ

Elezioni 2022: tutti i cantanti scontenti del governo Meloni


I cantanti sono per lo più di sinistra. I cantautori spesso sono da quel lato ma ancora più in là. E così, quando vince la destra, chi vive di musica storce il naso. E se la Meloni in questi giorni alza il calice del successo, diversi artisti manifestano la loro insoddisfazione in modo esplicito. Ecco chi ha preso una posizione netta rispetto al 26% di Fratelli d'Italia.

GOSSIP E CURIOSITÀ

Jimmy Fontana: memorie dalla mitraglietta della morte

23/09/2022

Jimmy Fontana, famoso interprete de "Il Mondo", per alcuni anni ha detenuto una mitraglietta poi diventata tristemente protagonista degli anni di piombo.

GOSSIP E CURIOSITÀ

Verdena: "Volevo Magia"

22/09/2022

Esce domani 23 settembre il nuovo album dei Verdena "Volevo Magia", anticipato dal singolo "Chaise Longue".

NUOVE USCITE MUSICALI

Blackpink: 1 milione di copie vendute in un giorno!

18/09/2022

In un'epoca in cui, per ottenere il disco d'oro, è necessario rilasciare 25.000 copie, il nuovo album delle Blackpink dal titolo "Born Pink", nel giorno della sua uscita (lo scorso 16 settembre) ne vende 1.011.266.

NUOVE USCITE MUSICALI

Anche i metallari svedesi ci sono caduti: omaggio dei Sabaton a Max Pezzali

16/09/2022

I Sabaton omaggiano Max Pezzali con una versione power metal di "Una Canzone D'Amore".

GOSSIP E CURIOSITÀ

La passione per la musica della regina Elisabetta II

09/09/2022

La regine Elisabetta II aveva una grande passione: la musica. E il mondo della musica ricambiava questa empatia.

GOSSIP E CURIOSITÀ

Shade bloccato all'aeroporto di Lamezia senza farlo apposta

07/09/2022

Shade bloccato all'aeroporto di Lamezia per un cambio di aeromobile e una biglietteria che non c'è.

GOSSIP E CURIOSITÀ

Raffaella Carrà sulle monete da 2 euro


Il volto di Raffaella Carrà dal 2023 sarà raffigurato sulle monete da 2 euro.

GOSSIP E CURIOSITÀ

Sondaggio

Le canzoni sulla "Pace" - STOP WAR - Quale la tua preferita?

 
Risultati sondaggio
Plastic Ono Band - Give peace a chance
John Lennon - Imagine
Black Eyed Peas - Where is the love
Passengers - Miss Sarajevo
U2 - Peace on Earth
Bruce Springsteen - War
Bob Dylan - Blowin' in the wind
Scorpions - Wind of change
Michael Jackson - Earth Song